Umbria: deboli segnali di ripresa, ma sul lavoro è ancora buio pesto

Segnali di inversione di tendenza per l’economia umbra, ma da prendere con le molle, prima di tutto perché molto deboli (nel 2017 il Pil dovrebbe tornare a crescere, ma solo dell’1,1%, meno della media nazionale e del Centro) e poi perché il gap con il 2007, prima dell’inizio della grande discesa, è ancora enorme: 13,4 punti percentuali di Pil, ovvero 3,6 miliardi di euro di ricchezza in meno. È questa la lettura della situazione che emerge dall’ultimo rapporto dell’Ires Cgil Umbria, curato dai ricercatori Marco Batazzi e Lorenzo Testa, e presentato oggi, 16 maggio, a Terni, da Mario Bravi, presidente …read more